Portofino: il Parco adesso è nazionale

Camogli, 28 dicembre 2017

Al Teatro Sociale di Camogli i calici sono alzati. Si brinda e si festeggia il nuovo Parco Nazionale di Portofino. In sala ci sono cittadini, sindaci e rappresentanti dei Comuni, associazioni del territorio, il consigliere regionale Luca Garibaldi e i parlamentari del PD: il deputato Mario Tullo e i senatori Vito Vattuone e Massimo Caleo. Si deve proprio a quest'ultimo il riconoscimento nazionale del Parco di Portofino, grazie a un emendamento in Legge di Bilancio che è diventato legge dello Stato.

“A distanza di vent'anni abbiamo avuto la soddisfazione di trasformare quello di Portofino in Parco Nazionale – dichiara Caleo - . Si parte con una scorta finanziaria adeguata di 1 milione di euro, più le risorse già disponibili per l'area marina protetta annessa. È una bella notizia per tutta la Liguria, che da oggi ha un nuovo “testimonial” importante insieme al Parco della Cinque Terre. Dedico questo risultato a due persone che non ci sono più: Piero Ottone, che da sempre si è battuto per questo obiettivo, e l'ex direttore Carlo Repetto, amico e grande conoscitore del Parco".

presentazione parco nazionale  portofino 1Il percorso per arrivare al Parco Nazionale di Portofino è stato affrontato con passione e grazie alla collaborazione dei sindaci e del territorio. Collaborazione ancor più determinante in questa fase transitoria.

“Oggi ci ritroviamo in questo splendido Teatro sociale a festeggiare il Parco Nazionale di Portofino grazie a una collaborazione ampia e dal basso, che è partita soprattutto dai sindaci. Adesso prende il via la fase delicata e complessa per l'iter transitorio e la definizione dei confini del Parco, per concretizzare l'obiettivo – dichiara il segretario regionale PD Liguria, sen. Vito Vattuone - . Ecco perché servirà il contributo di tutti, a cominciare dai sindaci ma anche dalla Regione Liguria”.

Sull'argomento interviene e conclude il senatore Massimo Caleo:

presentazione parco nazionale  portofino 2“Mi auguro che il processo di definizione dei confini sia veloce, affinché nel 2018, dopo il decreto del Presidente della Repubblica, possa partire l'attività di questo nuovo ente che ha la voglia e la forza di conservare una storia, una biodiversità, un paesaggio unico e promuovere il Tigullio, la Liguria e l'Italia nel mondo”.

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information